di Vito Mancuso

UNA NUOVA IMMAGINE DI DIO
«La pressione della tragedia in cui era immersa e che la schiaccerà conduce Etty Hillesum a prefigurare anche una nuova immagine di Dio e di conseguenza una nuova spiritualità. Così scrive sul Diario il 12 luglio 1942 in un brano che intitola Preghiera della domenica mattina: «L’unica cosa che possiamo salvare di questi tempi, e anche l’unica che veramente conti, è un piccolo pezzo di Te in noi stessi, mio Dio. E forse possiamo anche contribuire a disseppellirTi dai cuori devastati di altri uomini. […] Quasi a ogni battito del mio cuore, cresce la certezza: Tu non puoi aiutarci, ma tocca a noi aiutare Te, difendere fino all’ultimo la Tua casa in noi». Un piccolo pezzo di Te in noi. La Tua casa in noi. Prima aveva scritto: «Dentro di me c’è una sorgente molto profonda. E in quella sorgente c’è Dio»

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: