La prassi cristiana spiegata dal medico della giungla

  • Dobbiamo non soltanto non uccidere, ma – se è possibile – conservare la vita […]. Voi, però, tenete gli occhi aperti: non perdete occasione di essere misericordiosi. Perciò, non ignorate con noncuranza il povero insetto caduto in acqua, ma pensate che cosa significhi lottare per non affogare. Aiutatelo dunque, servendovi di un uncino o di un legnetto; e se poi si pulirà le ali, vi mostrerà qualcosa di meraviglioso: la fortuna di aver tratto in salvo la vita… di aver agito per incarico e per conto dell’onnipotenza di Dio. Il verme smarrito sulla terra dura muore perché non può penetrarvi. Voi deponetelo su un terreno ricco o sull’erba: «Ciò che avrete fatto a uno di questi piccoli, l’avrete fatto a me»[3]. Queste parole di Gesù si applicano a ogni nostra azione nei confronti delle creature inferiori. A,S,
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: