Abolizione pena di morte in Malesia

MALESIA: IL GOVERNO HA DECISO DI ABOLIRE LA PENA DI MORTE OBBLIGATORIA
Il governo della Malesia ha deciso di abolire la pena di morte obbligatoria e di sostituirla con altre pene a discrezione dei tribunali.
Il Ministro del Dipartimento del Primo Ministro (Parlamento e Legge) Wan Junaidi Tuanku Jaafar ha affermato il 10 giugno 2022 che la decisione è stata presa dopo la presentazione del suo rapporto sulle pene sostitutive della pena di morte obbligatoria alla riunione del Gabinetto dell’8 giugno.
“Il governo ha anche concordato in linea di principio di accettare e prendere atto delle raccomandazioni formulate dal Comitato Speciale sulle Condanne Sostitutive della Pena di morte Obbligatoria, come spiegato nel rapporto”, ha dichiarato.
Il Comitato è guidato dall’ex presidente della Corte Suprema Tun Richard Malanjum e comprende esperti di diritto come un ex giudice capo della Malesia, un ex procuratore generale, professionisti legali, un docente di diritto e un criminologo.
Wan Junaidi ha affermato che il Gabinetto ha anche concordato che vengano condotti ulteriori studi sulla proposta di pene sostitutive per 11 reati che attualmente comportano la pena di morte obbligatoria, uno dei quali è relativo alla Sezione 39B della Legge sulle Sostanze Pericolose del 1952 (Legge 234) e per 22 reati che comportano la pena di morte a discrezione del giudice.
Wan Junaidi ha affermato che lo studio sarà condotto in collaborazione con le
Camere del Procuratore Generale, la Divisione Affari Legali del Dipartimento del Primo Ministro e altri ministeri e dipartimenti competenti.
Ha sottolineato che la decisione è estremamente significativa per garantire che tutti gli emendamenti alle leggi pertinenti tengano conto dei principi di proporzionalità e costituzionalità per qualsiasi proposta presentata al governo in seguito.
Il Ministro ha affermato che il governo condurrà anche uno studio di fattibilità sulla direzione del sistema di giustizia penale nel Paese, come l’adozione di procedimenti di pre-sentenza, un consiglio per le condanne e linee guida per le condanne.
Da studiare anche l’istituzione di una Commissione legislativa, la riforma carceraria e l’esecuzione di sentenze basate sulla giustizia riparativa.
“La decisione in merito mostra l’impegno del governo nel garantire che i diritti di tutte le parti siano protetti e tutelati, riflettendo così la trasparenza della leadership del Paese nel migliorare il sistema di giustizia penale”, ha affermato.
Wan Junaidi ha aggiunto che il governo ha anche espresso apprezzamento per l’impegno assunto dal Comitato nella produzione del rapporto che sarà la base per un cambiamento più complessivo ed efficace del sistema di giustizia penale del Paese.
Secondo una risposta scritta in Parlamento del febbraio 2022, ci sono attualmente 1.341 persone nel braccio della morte della Malesia, con 905 casi relativi a condanne a morte obbligatorie per traffico di droga.
(Fonti: Bernama, Amnesty, 10/06/2022)

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s…

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: