L’esperienza della peste per un parroco cattolico divenuto riformatore

Zwingli era pronto ad accettarla a Zurigo;

“Fai quel che vuoi, che nulla mi manca. Son tuo strumento che puoi riscattare o distruggere”.

È impossibile leggere questa poesia senza essere colpiti dall’abbandono totale di Zwingli alla volontà di Dio. L’esperienza della peste fece probabilmente crescere in lui la convinzione di essere strumento nelle mani di Dio, e di doversi rimettere interamente alla volontà divina.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: