Auguri Giulio

Oggi Giulio avrebbe compiuto 34 anni.
Da sei, i suoi torturatori restano impuniti, coperti da uno Stato che ha fatto della tortura lo strumento principale di esercizio del potere.

Oggi nel giorno del suo compleanno, dall’Egitto arriva un’altra bruttissima notizia: l’Arabic Network for Human Rights Information (ANHRI), una delle più importanti associazioni per la difesa dei diritti umani egiziana chiude. Troppa repressione ha dichiarato Gamal Eid uno dei suoi fondatori.

Eppure un Paese che tortura e uccide anche cittadini italiani, in cui le organizzazioni di difesa dei diritti umani sono costrette a chiudere per la troppa repressione è tra i principali partner strategici dell’Italia, senza che nessuno si indigni.

Quale credibilità avranno le condanne per la violazione dei diritti umani in Russia, Cina o Iran se non siamo capaci di pretendere, da un “regime nostro partner”, nemmeno i domicili legali di quattro agenti dei servizi segreti che hanno ucciso Giulio Regeni per poterli processare?

Il doppiopesismo con cui l’Italia e l’Europa giudicano le violazioni dei diritti in base alla rivalità commerciale e militare di paesi terzi è imbarazzante. Ed è un’ipocrisia che in giornate come questa pesa.

Buon compleanno Giulio e perdonaci se non siamo ancora riusciti a renderti giustizia.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s…

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: