O quacchero significa cristianesimo o non è. Al limite si è nonviolenti.

1647 – Una certa VOCE

Completamente vuoto e scoraggiato, un giorno George Fox udì una voce che diceva:

“Qualcuno, proprio Gesù Cristo, è in grado di rispondere alla tua condizione”.

Forse era quell’ essere completamente vuoto e nudo, insieme al suo ardore per la verità religiosa, che permise a Fox di sentire quella voce, di accettarla e di seguirla, e che fece di lui il “profeta” ardito che conosciamo.

Egli era, malgrado lui stesso, nella condizione ideale per lasciare spazio alla Voce di Cristo.

Da quel momento George Fox non fu più solo e disperato, ed ha inizio la sua positiva “avventura spirituale”…

Molti di noi devono tanto a quella ricerca, appassionata e sincera, a quella drammatica “esperienza”, che chiamerei “mistica”. E a quell’ ascolto.

1647 – La LUCE

In un momento di meditazione, un po’ com’ era accaduto ad alcuni antichi profeti, ed a Paolo, G.F. fu rapito (trasportato)

“nell’ amore di Dio”,

condizione in cui gli fu rivelata la Luce e la Potenza che sono e operano mediante Cristo.

“La mia fede vivente fu elevata…la mia credenza segreta fu rafforzata, la speranza mi sorreggeva, come un’ ancora sul fondo del mare, e ancorava la mia anima immortale al mio Vescovo (Cristo), permettendomi di nuotare sopra il mare, il mondo, in cui sono tutte le onde furiose, il tempo cattivo, le tempeste e le tentazioni”.

E vide chiaramente tutti i propri affanni, e tutto ciò che è fuori della Luce, ma come stagliato in essa.

Questa non era, e non sarà, nella vita di Fox, la sola esperienza spirituale relativa alla Luce. Anzi, saranno tante e tali le occasioni di incontro con la vera Luce, che gli daranno la forza di lottare come un gigante contro l’ errore.

Davide Melodia quacchero da cui ho tratto il testimone

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: