Quando fanno notizia

×

La Danimarca, la CIA ha usato bambini orfani per esperimenti psichiatrici

02.01.22 – Lorenzo Poli(Foto di HispanTV)

L’emittente pubblica danese Danish Radio ha recentemente pubblicato un reportage intitolato “The Search for Myself”, il quale ha rivelato come 311 orfani danesi siano stati usati “inconsapevolmente” in una serie di esperimenti finanziati dalla Cia all’interno del programma MK-Ultra.

Secondo il servizio radiofonico, gli esperimenti sono iniziati nei primi anni Sessanta e sono durati per vent’anni. Questi test sono stati condotti per indagare il legame tra ereditarietà e ambiente nello sviluppo della schizofrenia. Tuttavia, ai bambini non era stato dato alcun consenso informato oltre al fatto che non era stato informati in quale ricerca erano coinvolti nemmeno dopo la fine degli esperimenti.

Secondo il regista dell’inchiesta e in base alle informazioni degli archivi nazionali, il progetto di ricerca è stato cofinanziato dal servizio sanitario degli Stati Uniti.

Solo nel primo anno, il progetto è stato sostenuto con ciò che oggi corrisponde a 4,6 milioni di corone danesi (700.000 dollari). Ha anche ricevuto finanziamenti dallo Human Ecology Fund, un’operazione finanziata dalla CIA attraverso la Cornell University College of Human Ecology Society for the Investigation of Human Ecology per supportare la ricerca segreta sul lavaggio del cervello. È stato anche collegato alla ricerca nell’ambito del programma MK-Ultra in cui gli studiosi di scienze sociali, inclusi gli antropologi, sono stati portati (per lo più inconsapevolmente) a fornire dati per le tecniche di interrogatorio ancora in uso oggi.

Lo psichiatra danese Fini Schulsinger ha dedicato la sua tesi di dottorato agli esperimenti nel 1977, intitolandola “Studi per far luce sulla connessione tra ereditarietà e ambiente in psichiatria”.

I test si sono svolti in un seminterrato dell’ospedale municipale di Copenaghen. Il regista e produttore del reportage, Per Wennick, è stato lui stesso sottoposto a questi esperimenti da bambino.

“Ci hanno messo su una sedia, hanno messo elettrodi sulle braccia, sulle gambe e sul petto intorno ai nostri cuori e abbiamo dovuto ascoltare rumori forti e striduli” – ha detto Wennick.

“Era molto scomodo” – ha detto Wennick alla radio danese – “E non è solo la mia storia, è la storia di tanti bambini”. Per sua stessa ammissione, gli è stato promesso “qualcosa di divertente” prima di essere portato in ospedale. “Penso che questa sia una violazione dei miei diritti di cittadino. Trovo così strano che alcune persone sappiano su di me più di quanto io stesso non fossi a conoscenza”.

Secondo Jacob Knage Rasmussen, storico, dottore di ricerca e ispettore museale presso il Museo del Benessere danese, questo è stato l’unico esperimento noto nella storia danese che ha utilizzato i bambini sotto la cura dello Stato per la ricerca.

Secondo la radio danese, l’idea di sperimentare sui bambini vulnerabili è venuta dallo psicologo americano Zarnoff A. Mednick, allora professore all’Università del Michigan.

Durante le ricerche per il reportage, Per Wennick è riuscito a individuare 36 dossiers presso il Centro Psichiatrico Glostrup di Hvidovre che dettagliavano gli esperimenti senza scrupoli della CIA sui bambini. Tuttavia, quando il centro ha saputo dell’inchiesta, ha iniziato a distruggere i documenti, attività ovviamente illegale.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: