Mi vergogno di essere un italiano

“Molteplici torture, lesioni e depistaggio”: misure cautelari per 52 agenti penitenziari accusati di violenze sui detenuti dopo una protesta in carcere

I quaccheri nella loro Storia dalle origini si sono sempre schierati perchè incarcerati per le loro idee religiose nonviolente.

Siamo increduli e terrorizzati dallo Stato italiano

“Molteplici torture, lesioni e depistaggio”: misure cautelari per 52 agenti penitenziari accusati di violenze sui detenuti dopo una protesta in carcere

Il gip parla di “orribile mattanza”. Otto persone in carcere e 18 ai domiciliari, tra cui il comandante del Nucleo operativo traduzioni e piantonamenti del Centro penitenziario di Napoli Secondigliano e il comandante dirigente della Polizia penitenziaria di Santa Maria Capua Vetere. Una misura interdittiva è stata notificata anche al provveditore delle carceri della Campania: per la procura sarebbero stati manomessi 5 spezzoni dei filmati delle telecamere di sorveglianza. I maltrattamenti risalgono al 6 aprile 2020, dopo la rivolta nell’istituto penitenziario del Comune campano. Per il Sappe “provvedimenti abnormi”

IFQ