Patrick Zaki, consegnate le firme della petizione di Articolo 21 per la cittadinanza onoraria di Roma

18.06.2021 – Roma – Articolo 21

Patrick Zaki, consegnate le firme della petizione di Articolo 21 per la cittadinanza onoraria di Roma
(Foto di Articolo 21)

Consegnate il 16 giugno in Campidoglio le firme raccolte da Articolo21 con la petizione per chiedere il conferimento della cittadinanza onoraria della Capitale d’Italia, a Patrick Zaki. Alla cerimonia, oltre alla prima cittadina e alla responsabile per le periferie Federica Angeli, erano presenti il presidente della Federazione Nazionale della stampa, Giuseppe Giulietti, e il promotore dell’iniziativa per Articolo 21, Riccardo Cristiano.

Di seguito la lettera aperta alla sindaca Virginia Raggi pubblicata su Change.org.

La petizione ha quasi raggiunto le 20 mila firme.

Alla Sindaca Virginia Raggi

p.c. ai capigruppo dell’Assemblea Capitolina

Gentile Sindaca Virginia Raggi,

ci rivolgiamo a Lei come rappresentante della comunità cittadina di Roma, per chiederLe di raccogliere l’appello che proviene da vasti settori dell’opinione pubblica in favore di Patrick Zaki, giovane ricercatore dell’Università di Bologna, impegnato in importanti iniziative a favore dei diritti umani, arrestato il 7 febbraio 2019, non appena atterrato all’aeroporto del Cairo, con l’accusa di aver istigato al rovesciamento del governo, di aver pubblicato notizie false con l’intento di disturbare la pace sociale, di aver utilizzato i social network per istigare alla violenza e al terrorismo.

Successivamente al suo arresto, Patrick è stato trasferito nel carcere di Tora, dove è tuttora detenuto. Secondo quanto hanno riferito i suoi legali e l’Egyptian Iniziative for Personal Rights – organizzazione egiziana impegnata dal 2002 per la protezione dei diritti e delle libertà fondamentali – Patrick è stato minacciato, picchiato, torturato e sottoposto ad elettroshock.

Dal momento dell’arresto è trascorso oltre una anno e Patrick si trova ancora privato della propria libertà personale, senza aver avuto la possibilità di difendersi in un regolare processo, mentre i giudici egiziani continuano periodicamente a rinnovare la custodia cautelare in carcere.

Patrick ama l’Italia, voleva vivere nel nostro Paese, conoscere la nostra storia e la nostra cultura, formarsi nelle nostre università. La sua storia ci riguarda tutti, rinnova il dolore e l’indignazione per l’assassinio – tuttora impunito – di Giulio Regeni e ci ricorda come in Egitto vengano repressi con la violenza il dissenso e la libertà di espressione.

Alla luce di questa terribile situazione e nel tentativo di esercitare pressioni su chi oggi ha la responsabilità e il compito di provare a salvare la vita di Patrick, sarebbe un atto doveroso, significativo e dal forte impatto concedere a Patrick Zaki la cittadinanza onoraria di Roma Capitale, come già hanno fatto BolognaMilanoNapoli, Firenze, Bari ed altri settanta Comuni, sulla base del presupposto che ciò testimoni il riconoscimento dei valori di libertà di studio, libertà di pensiero e libertà di espressione propri della nostra democrazia e delle nostre istituzioni repubblicane.

 Qui l’articolo originale sul sito del nostro partner