Meeting Minutes

Meeting Minutes del 17-6-2021
PEACE
I will find
Peace today
If I pause
And quietly pray
David Herr


Pensare con la propria testa la stupidità. Decidere con la propria coscienza contro la banalità. Amare con il proprio cuore contro l’aridità
Pino Pellegrino

  • 1922 Accordo internazionale per mettere al bando i gas velenosi
  • Fine dell’apartheind in Sudafrica
  • Giornata internazionale contro la desertificazione e la siccità
  • Nasce a Reims (Francia) la scrittrice Luce d’Eramo
  • Una preghiera in silenzio per i rifugiati, in particolare quellli della rotta balcanica, e la giornata mondiale del 20 giusgno. Quello che potevo fare lo ho fatto volentieri come aiuto, il resto di affidiamo alle mani di Dio. Ciascuno offre ciò che può a One Bridge To Idomeni Onlus: info@onebridgetoidomeni.com
  • “Bisogna trovare e amare Dio proprio in ciò che ci dà
    Dietrich Bonhoeffer

  • Davide Melodia, deceduto nel 2006
    Nato a Messina 1920
    Prigioniero di guerra: 1940-46
    Maestro elementare: 1947-48
    Pastore Evangelico battista: 1948-54
    Maestro carcerario: 1957-61
    Traduttore al giornale Il Giorno: 1961-68
    Pittore 1959-75, Insegnante privato Inglese:1969-75
    Consigliere com. Verde Livorno:1986-87, 1990
    Consigliere Prov. Verde VCO: 1995-97
    Presidente dei Verdi del VCO: 1999-2001
    Pacifista Nonviolento; 1947, segg.
    Eco-pacifista: 1967, segg.
    Segretario Movimento Nonviolento: 1981-83
    Segr.Lega Disarmo Unilaterale: 1979-83
    Membro Mov. Int. Riconciliazione
    Vegetariano 1972 segg.
    Predicatore Evangelico: 1979 segg.
    Quacchero: 1984 segg.

  • ARCOBALENO DI PACE
    Tace.
    Di fronte ai massacri,
    alle angosce, alle paure,
    alle fatiche atroci
    delle marce forzate
    e senza speranza,
    di fronte al mancato asilo,
    al mancato ascolto,
    all abbrutimento del profugo,
    del perseguitato,
    alla disumanizzazione
    di torturatori e torturati,
    alle atrocità tutte
    della guerra
    il vile, l’ indifferente, l’ egoista,
    tace,
    e la guerra impazza.
    L amante segreto della violenza,
    in prima persona,
    o in diretta televisiva,
    tace ma esulta,
    nutrendo le sue pulsioni
    di morte.
    E la guerra impazza.
    Colpevoli o innocenti,
    sotto la mannaia del boia
    o della bomba pseudo intelligente,
    cadono a migliaia in un sospiro
    di odio e di dolore
    perdendo a un tempo l’ appuntamento
    con il presente ed il futuro
    e Dio.
    .
    Uomini e donne, vecchi e bambini,
    creati per vivere,
    incontrano,
    improvvisamente,
    la morte.
    Colpevoli son quelli
    che la guerra l’ hanno scatenata,
    dopo lungo lasso di tempo dedicato
    a coltivare inimicizia e rancore
    fra la gente.
    Innocenti pure non sono
    coloro che alla violenza rispondono
    con pari violenza,
    sì facendo ponendosi
    sullo stesso piano
    degli aggressori.
    E sì facendo, tutti,
    dei fabbricanti d armi
    ingrossano le borse,
    e tragicamente ingrassano
    la terra dei campi minati.
    La guerra è come un uragano
    che esplode con potenza immane
    su uomini e cose,
    e fra i sopravvissuti libera
    la violenza delle passioni
    e delle azioni.
    La pace, per converso,
    assomiglia all arcobaleno
    dopo la tempesta,
    laddove e quando,
    pei buoni uffici di gente
    di buona volontà,
    la guerra cessa.
    Brillano allora,
    nello spettro arcuato,
    i colori dell iride di pace,
    il bianco
    per la Fede rinnovata nell umanità,
    il verde
    per la rinata Speranza,
    il rosso
    per il ritrovato Amore.
    Chi ci impedisce
    di far parte di quella schiera
    di esseri umani
    che pongono fine
    alla violenza,
    che s interpongono
    fra l’ uno e l’ altro combattente,
    che l’ uno e l’ altro invitano
    ad una tavola rotonda,
    sotto l’ arcobaleno,
    in vista della Riconciliazione ?
    E guerra e pace
    sono proiezione
    della volontà umana.
    Sta a noi la scelta.
    ( Verbania, 29 marzo 1999 )

′′ Al loro nucleo, i diritti umani riguardano il modo in cui trattiamo le persone. Riconoscono che ci sono alcune cose a cui le persone hanno diritto solo perché sono umane, e che ci sono cose che non va mai bene fare alle persone.”-Oliver Robertson, Quaccheri in Gran Bretagna.I gruppi religiosi e umanisti hanno unito le forze per chiedere al Primo ministro di proteggere l’Human Rights Act 1998. Lo hanno fatto a causa della preoccupazione per le misure eventualmente introdotte che renderebbero più difficile per le persone garantire i propri diritti. Questo segue la revisione della legge sui diritti umani indipendente del governo, lanciata all’inizio di quest’anno.La lettera congiunta è stata coordinata da Umanisti Regno Unito, Rene Cassin e Quaccheri in Gran Bretagna, tra gli altri. È stato anche firmato dal vescovo di Manchester, dai musulmani britannici per la democrazia secolare, dalla rete delle organizzazioni sikh, dalla Soka Gakkai International, dal Movimento per l’ebraismo riformato, dall’ebraismo liberale e dalla Chiesa di Scozia. Dichiara:’ Crediamo a cose diverse del mondo, al nostro posto in esso, e a come dovremmo vivere. Ma quello che tutti noi abbiamo in comune è che gli esseri umani sono dotati di dignità intrinseca protetta dai diritti umani.′′ La Convenzione europea dei diritti umani, su cui si basa l’Atto per i diritti umani, è stata la risposta dell’Europa all’orrore dell’Olocausto. L ‘ Atto ha salvaguardato le nostre libertà, compresa la nostra libertà di pensiero, di credo e di religione. Ci ha permesso di sposarci e di condurre funerali in linea con le nostre comprensioni del mondo, lasciandoci vivere secondo le nostre credenze.′′ Non vogliamo vedere quelle libertà diluire o vedere adottare misure volte a rendere più difficile l’accesso dei propri diritti alle persone. Fare questo priverebbe le persone di ciò che tutti dovrebbero godere. La dignità umana che tutti riconosciamo ha bisogno di un quadro giuridico per proteggerla.′′ Qualsiasi mossa per indebolire l’Human Rights Act rischia di minare la base di tutta la nostra libertà, e sarebbe un marcatore su un pendio molto scivoloso. Per un Regno Unito basato sulla decenza, la dignità e il rispetto, dobbiamo mantenere il nostro Human Rights Act così com’è. ‘https://humanism.org.uk/…/humanist-and-religious…/https://humanrightsact.org.uk/religion-or-belief-letter…/

Humanist and religious groups call on Prime Minister to protect human rights

https://humanism.org.uk/2021/06/14/humanist-and-religious-groups-call-on-prime-minister-to-protect-human-rights/