Consiglio Artico: gli stati confinanti devono rispettare i diritti indigeni fondamentali

20.05.2021 – Associazione per i Popoli Minacciati

Consiglio Artico: gli stati confinanti devono rispettare i diritti indigeni fondamentali
Nenci a Dudinka, Taimyr, Krasnoyarsk, Russia. (Foto di Dr. A. Hugentobler CC BY-SA 3.0.)

L’Associazione per i Popoli Minacciati (APM) chiede alla nuova presidenza del Consiglio Artico che i diritti indigeni alla terra e all’autodeterminazione siano rispettati e garantiti efficacemente. Oggi, giovedì 20 maggio, la Russia assumerà la direzione dell’organismo istituito 25 anni fa. Attualmente gli interessi indigeni non sono sufficientemente ascoltati nel Consiglio Artico, perché le organizzazioni indigene partecipanti rappresentano solo una parte dei popoli indigeni che vivono in quella regione e per di più non hanno diritto di voto. Ecco perché abbiamo bisogno di un insieme di regole vincolanti a livello internazionale che garantiscano i diritti degli indigeni e la protezione dell’ambiente e del clima nell’Artico. Se il Consiglio Artico non agisce da solo, l’UE e l’ONU dovrebbero intervenire, quando necessario. Solo con una solida serie di regole le industrie estrattive possono essere contenute e i diritti umani protetti. L’incontro di quest’anno si concentrerà sul confronto tra la Russia e gli Stati Uniti nell’Artico. Entrambi sono interessati a una buona cooperazione in vista del crescente coinvolgimento della Cina nella regione.

Nikolai Korchunov, l’ambasciatore della Federazione Russa per l’Artico, ha identificato come priorità per la prossima presidenza la gestione del cambiamento climatico, la biodiversità, l’estrazione delle risorse e il passaggio delle navi nell’Oceano Artico. Tutte queste questioni toccano direttamente i diritti degli indigeni. Il governo russo deve dimostrare che prende sul serio il rispetto di questi diritti. Sarebbe importante che la Russia aderisse alla Dichiarazione delle Nazioni Unite sui diritti dei popoli indigeni e ratificasse la Convenzione 169 dell’Organizzazione Internazionale del Lavoro. Tutto ciò che accade sulle terre indigene richiede il consenso libero, informato e preventivo di coloro che vi abitano. Le persone che hanno vissuto immersi in questo fragile ecosistema da tempo immemorabile hanno un interesse personale a preservarlo. Gli indigeni dimostrano continuamente di essere dei protettori dell’ambiente e del clima molto efficaci.

Con il continuo cambiamento climatico, l’Artico sta diventando più accessibile alla navigazione, ed è anche più facile sfruttare le sue abbondanti risorse. Gli interessi indigeni possono rimanere rapidamente indietro in questo processo. Nella Federazione Russa, 40 popoli sono ufficialmente riconosciuti come minoranze indigene del Nord, della Siberia e dell’Estremo Oriente. Sono stati in grado di mantenere alcuni dei loro modi di vita tradizionali e di stabilirsi nei loro territori nel nord e nelle parti asiatiche del paese.

Il Consiglio Artico è stato fondato nel 1996 da Canada, Danimarca, Finlandia, Islanda, Norvegia, Federazione Russa, Svezia e Stati Uniti. Il suo obiettivo dichiarato è la protezione dell’ambiente e lo sviluppo sostenibile. La presidenza ruota ogni due anni. Sei organizzazioni indigene rappresentano gli interessi indigeni nel Consiglio Artico come partecipanti permanenti senza diritto di voto. Hanno una funzione consultiva e possono partecipare con degli input alle discussioni e al processo decisionale del Consiglio.