Gli indigeni Sioux marciano contro il Progetto Line 3

03.04.2021 – Lorenzo Poli

Gli indigeni Sioux marciano contro il Progetto Line 3
(Foto di Telesur)

Più di 100 attivisti e membri delle comunità indigene colpite si sono riuniti, giovedì 1 aprile, nella capitale degli Stati Uniti giovedì, in segno di rifiuto ai gasdotti Dakota Access e Line 3, chiedendo al Presidente USA Joe Biden di annullarli, come ha già fatto con il Keystone XL. I manifestanti hanno marciato attraverso Washington DC con un serpente di stoffa nera di 90 metri simulando i tubi inquinanti del combustibile fossile che passano attraverso le loro terre ancestrali, chiedono che il presidente Joe Biden si concentri sull’uso dell’energia solare e interrompa il potenziamento di tali progetti.

La mobilitazione ha raggiunto i dintorni della Casa Bianca, dove i membri hanno inscenato la “morte” del rettile.

“Restituiamo il serpente nero al presidente Biden”, hanno detto i giovani attivisti nativi mentre proseguivano la loro manifestazione per le strade della capitale degli Stati Uniti, invitando le autorità a rispettare l’approvazione libera, informata e preventiva delle comunità indigene su questo tipo di progetti.

“Non si può violare la terra rubata”, ha detto Jasilyn Charger, attivista della tribù Cheyenne River Sioux che deve affrontare accuse di violazione di domicilio per aver difeso la terra della sua comunità. In questa occasione si è anche pronunciato contro gli oleodotti.

“Voglio che il presidente Biden faccia il lavoro che deve fare, che è proteggere noi, non le società straniere. Permettere a questi oleodotti di continuare non ci protegge”, ha detto ai media internazionali l’avvocato e giudice della tribù Banda Huron Nottawaseppi. Potawatomi, con sede nel Michigan, Holy T. Bird.

Dakota Access è un progetto di gasdotto sotterraneo che si estende per 1.886 chilometri di lunghezza, con una media di 570.000 barili al giorno da trasferire dal Nord Dakota all’Illinois, passando per il Sud Dakota all’Iowa.

Alcuni gruppi ambientalisti e tribù come i Sioux si sono espressi contro i rischi ecologici e la contaminazione del loro patrimonio sacro che il gasdotto avrebbe causato.

Da parte sua, la linea 3 cerca di trasportare prodotti petroliferi dall’Alberta, in Canada, al Wisconsin attraverso il Minnesota. Lo scorso dicembre la compagnia canadese Enbridge ha iniziato i lavori per la costruzione del nuovo gasdotto, quindi le proteste si sono intensificate.

La lotta indigena si è unita da sei anni come mai nel secolo scorso, fondamentalmente contro le condutture Dakota Access che sono state completate con il governo di Donald Trump e il Keystone XL, cancellate da Biden dopo il suo arrivo alla presidenza.

Gli attivisti vogliono che il presidente degli Stati Uniti faccia lo stesso con Lin 3, ma finora non ha offerto segni di saltare in quella decisione.

https://www.telesurtv.net/news/indigenas-eeuu-marchan-contra-oleoductos-20210402-0011.html