Meeting Minutes domenicale

Meeting Minutes domenicale

Ogni giorno per me è l’inizio di un nuovo anno, e io cerco di propiziarmelo con buoni pensieri che liberano l’animo dalle meschinità.

Lucio Anneo (Seneca filosofo)

Buon compleanno, Lucretia Coffin Mott (gennaio. 3, 1793-novembre. 11, 1880). Predicatrice quacchera. Forse la più importante.Pacifista. Femminista. Suffragista. Abolizionista. Oratrice. Insegnante Avvocatessa per lo stile di vita semplice.Nel 1833, Lucretia ha aiutato a fondare la Philadelphia Femminile Anti-Slavery Society. Nel 1846 ha fondato la Northern Association for the Relief and Employment of Poor Women. Nel 1848 ha contribuito a organizzare la storica convention sui diritti delle donne a Seneca Falls, New York. Nel 1866 è diventata la prima presidente dell’American Equal Rights Association. Nel 1867 lei e un gruppo di colleghi radicali fondarono la Free Religious Association.Lucretia e suo marito James erano tra i quaccheri più radicali — anche in religione. Credevano che le guerre raffigurate nella Bibbia non fossero sanzionate divinamente ma di origine umana, come tutte le guerre prima o dopo. Un pacifismo coerente, credevano, necessitava di una visione del genere. Lucretia nacque a Nantucket, Massachusetts. Morta di polmonite a Cheltenham, Pennsylvania. Seppellita a Fair Hill Burrial Ground, 9° e Cambria Streets, North Philadelphia, Pennsylvania.~ La serie Heroes

Dedicato a Patrick Zaki:

Continuiamo a lottare con la voce e con la penna
Per noi che viviamo quotidianamente le angosce di questa vita,
per noi che sentiamo quotidianamente sulla nostra pelle la morte degli altri,
per noi che tocchiamo le ferite, i segni delle torture sui cadaveri,
per noi che raccogliamo corpi senza testa, teste senza corpo e le ossa dei nostri fratelli,
per noi che abbiamo fotografato le vittime,
per noi che abbiamo ascoltato i testimoni, il pianto silenzioso e anonimo di familiari anonimi di vittime anonime,
tutto questo è un panorama abituale,
parte sostanziale della nostra vita, sempre appesa al filo del caso.
Tutto questo è la nostra vita quotidiana, che si riflette nei nostri occhi,
che invade il nostro olfatto, che impregna le nostre mani.
Ma è anche ciò che rafforza e legittima la nostra azione
e la lotta del nostro popolo per la conquista del diritto alla vita,
a un tetto, a un libro, a un tozzo di pane.
Non ci importa se ci chiamano sovversivi, traditori della patria;
non ci importano gli arresti e le vessazioni che abbiamo patito per difendere i prigionieri politici;
non ci importano le distruzioni con le bombe
delle nostre sedi e delle nostre case.
Continuiamo a lottare con la voce e con la penna,
e con il pensiero certo angosciante che possa arrivare la morte.
Per noi che viviamo quotidianamente le angosce di questa vita,
per noi che sentiamo quotidianamente sulla nostra pelle la morte degli altri,
per noi che tocchiamo le ferite, i segni delle torture sui cadaveri,
per noi che raccogliamo corpi senza testa, teste senza corpo e le ossa dei nostri fratelli,
per noi che abbiamo fotografato le vittime,
per noi che abbiamo ascoltato i testimoni, il pianto silenzioso e anonimo di familiari anonimi di vittime anonime,
tutto questo è un panorama abituale,
parte sostanziale della nostra vita, sempre appesa al filo del caso.
Tutto questo è la nostra vita quotidiana, che si riflette nei nostri occhi,
che invade il nostro olfatto, che impregna le nostre mani.
Ma è anche ciò che rafforza e legittima la nostra azione
e la lotta del nostro popolo per la conquista del diritto alla vita,
a un tetto, a un libro, a un tozzo di pane.
Non ci importa se ci chiamano sovversivi, traditori della patria;
non ci importano gli arresti e le vessazioni che abbiamo patito per difendere i prigionieri politici;
non ci importano le distruzioni con le bombe
delle nostre sedi e delle nostre case.
Continuiamo a lottare con la voce e con la penna,
e con il pensiero certo angosciante che possa arrivare la morte.


(Marianella García Villas, Avvocato dei diritti umani, Salvador. Nata il 7 Agosto 1948, morta, a seguito delle torture e delle ferite, il 13 Marzo 1983)

Nel 1539, una donna di nome Apollonia è stata catturata e portata nella città di Brissen, nel nord Italia, dove è stata condannata a morte e giustiziata per annegamento. Era un’anabattista. Vedi lo specchio dei martiri, pag. 45.

Buon 18° compleanno, Greta Thunberg (nata gennaio. 3, 2003).  

Appunti quaccheri e degli altri gruppi religiosi per la Pace

Nel 1846, un quacchero di nome John Jackson ha pubblicato un libretto intitolato Riflessioni sulla pace e la guerra. Nel capitolo IV ha scritto: ′′ Una volta preso il terreno che gli uomini sono stati divinamente commissionati per combattere, non c’è guerra per la quale questa autorità non venga rivendicata.” Gli scrittori biblici, ha insistito, hanno sbagliato a credere che le loro guerre sono stati divinamente ispirati. Di nuovo da Peter Brock: ′′ Le sue ragioni per dubitare delle loro affermazioni Jackson ha tratto dalla sua comprensione dell’amore di Dio rivelato da Cristo nel Nuovo Testamento. Come, comunità cristiane, la barbara politica di sterminio perseguita dagli antichi ebrei contro i Cananei e altre tribù potrebbe essere riconciliata con lo spirito del perdono cristiano?”

Hans Denck si è rifiutato di credere che Dio potesse mai essere vendicativo o irascibile, non importa cosa dicono i testi. L ‘ essenza del divino è l’amore, disse Denck. Le parole e le azioni di Dio non possono mai contraddire questa essenza. Werner O. Packull, nel suo libro Misticismo e il Movimento Anabaptista tedesco-austriaco (Herald Press, 1977), tocca questo quando si parla dell’universalismo di Denck: ′′ Cristo, stesso manifestazione di amore divino, ci ha insegnato ad amare i nostri nemici. Se Dio ha fatto il contrario, ha contraddetto la Sua rivelazione in Cristo. “Siamo fortunati in tempi moderni ad avere accesso a informazioni non disponibili per le generazioni precedenti. Grazie all’archeologia moderna, ad esempio, abbiamo appreso che la cosiddetta ′′ Conquista di Canaan ′′ non era un evento storico. Come Richard Elliott Friedman lo inserisce nel suo libro The Exodus (HarperOne, 2017): ′′ Le prove archeologiche indicano che non è mai avvenuto nessun arrivo di masse conquistate. Gli strati di distruzione non ci sono sui siti. Hanno ragione gli archeologi: non c’è stata nessuna conquista. E grazie al cielo per questo. È una storia di distruzione violenta, e gli ebrei sono stati denigrati per questo.”Lo studioso della Bibbia Nili Wazana, nel suo articolo sulla Bibbia dello studio ebraico (Oxford University Press, 2004), definisce il libro di Giosuè ′′ un costrutto letterario ideologico… meglio letto come manifesto ideologico piuttosto che come tentativo di storiografia accurata .”Come pacifisti, dovremmo essere entusiasti di queste nuove scoperte e comprensioni. Ci solleva dalla necessità di escogitare teorie teologiche complesse per spiegare perché Yahweh è stato un guerriero in un’epoca e un anti-guerra in un’altra. Ora, per fortuna, è più facile affermare con fiducia che Yahweh è sempre stato un peacenik. Ieri, oggi, e per sempre.

Buon 39° compleanno, Dalia Ziada (nata gennaio. 2°, 1982). Poeta. Attivista per i diritti umani. Attivista per i diritti delle donne. Avvocato per resistenza non violenta e azione diretta. Leader delle proteste della primavera araba a Piazza Tahrir, Cairo, Egitto. È stata definita ′′ una delle donne più impavide del mondo.”Nel febbraio 2011, Dalia era in Piazza Tahrir a distribuire copie di una versione araba di un fumetto intitolato ′′ Martin Luther King and the Montgomery Story.” In origine era stato pubblicato dalla Fellowship of Reconciliation nel 1957 come modo di diffondere la storia del boicottaggio dell’autobus di Montgomery. Dalia venne a conoscenza dell’esistenza del libro nel 2006 e si prese cura di farlo tradurre in arabo e stampare.Autore di ′′ Il curioso caso del lupo a tre leggi – Egitto: militari, islamismo e democrazia liberale ′′ (2019), tra le altre opere. Nato al Cairo, Egitto.~ La serie Heroes

Buon compleanno, Sybil Morrison (Jan. 2, 1893-26 aprile 1984). Suffragista. Pacifista. Femminista. Primo membro della Peace Pledge Union (importante gruppo pacifista in Inghilterra). Membro della War Resisters International. Membro della Lega internazionale femminile per la pace e la libertà (WILPF). Nel 1940, dopo aver tenuto un discorso anti-guerra al ′′ Speakers Corner ′′ di Londra, è stata condannata a un mese nella prigione di Holloway. Sybil era apertamente lesbo, e per un certo periodo è stata conosciuta come ′′ la lesbica più famosa di Londra.” Negli anni ‘ 1930 ha avuto una relazione con la compagna suffragista Dorothy Evans. Verso la fine della sua vita ha condiviso una casa con il compagno pacifista Myrtle Solomon.~ La serie Heroes