Il Memoriale dell’Olocausto diventa terreno di contesa politica

Polemiche in tutto il mondo per la nomina annunciata dal premier Netanyahu di un ultra conservatore alla guida dello Yad Vashem a Gersualemme


La nomina da parte del premier israeliano Benjamin Netanyahu di un ultra-nazionalista a capo del Memoriale Yad Vashem a Gerusalemme rischia di segnare una frattura in seno al mondo ebraico. Se la scelta di Effi Eitam venisse confermata, il futuro dell’istituzione appare in pericolo.

 Il 1°gennaio 2021 Effi Eitam diventerà il direttore dell’istituto internazionale per la memoria dell’Olocausto, il Memoriale Yad Vashem a Gerusalemme. Il generale e leader della destra religiosa è stato nominato dal premier Benjamin Netanyahu in sostituzione di Avner Shalev, che va in pensione dopo ventisette anni di attività. La decisione è stata presa ad agosto su proposta del ministro dell’Istruzione superiore Zeev Elkin, senza consultare nessuno né considerare altri candidati, contrariamente alla prassi abituale.

Eitam , ex generale dell’esercito israeliano, in più di un’occasione ha pubblicamente chiesto l’espulsione di massa dei palestinesi dalla Cisgiordania e da Gaza. Ha anche sostenuto l’esclusione dei cittadini palestinesi di Israele dal processo politico, spesso definendoli una «quinta colonna» e una «bomba a orologeria». «Gli arabi non avranno mai un governo, né sovranità, né esercito, in nessuna parte, terreno o vicolo dello Stato di Israele», ha detto in una circostanza, come riportato dal giornale israeliano Haaretz. (La definizione di Eitam di “Israele” include i territori palestinesi occupati.) Mentre prestava servizio come ministro israeliano per l’edilizia abitativa nel 2003 e nel 2004, Eitam è stato un forte sostenitore dell’espansione degli insediamenti ebraici nei territori palestinesi occupati.

Nel 2014 ha lasciato la politica per diventare presidente della compagnia israeliana Genie Energy, che fornisce gas naturale a più di una dozzina di Stati americani. In seguito ha chiesto al governo di annettere completamente la Cisgiordania, offrendo la cittadinanza israeliana ad alcuni palestinesi ed espellendo coloro che si rifiutavano di accettarla. Nel 1988, mentre prestava servizio come comandante di una brigata di fanteria israeliana, quattro soldati di Eitam hanno picchiato a morte un prigioniero palestinese sotto il suo comando. Un tribunale dell’esercito ha scoperto che Eitam aveva dato l’ordine. I soldati sono stati processati mentre Eitam ha ricevuto solo un rimprovero. Un giudice ha raccomandato di escludere Eitam dalla promozione ai ranghi più alti nell’esercito, ma è stato ancora promosso a generale di brigata nel 1994. «Effi Eitam è un combattente coraggioso. Ha ricevuto una medaglia per il suo coraggio nelle battaglie della guerra dello Yom Kippur nel 1973. E Yad Vashem è anche simbolo di eroismo, quello di cercare di prevenire un altro genocidio contro gli ebrei», difende la scelta Uri Cohen, responsabile dei corsi presso l’Università di Tel Aviv.

Ma il mondo degli storici, delle istituzioni e dei sopravvissuti all’Olocausto non la vede in questo modo. Inorriditi, circa 750 di loro hanno presentato una petizione a Netanyahu per denunciare «vergogna» e «umiliazione» per tale scelta. «Questa istituzione simboleggia la lotta per la dignità e i valori umanisti a cui sono attaccati tutti i sopravvissuti, compresi mio padre e mia madre – e dovrebbe essere guidata da un fascista?» commenta la storica Hanna Yablonka. La credibilità del Memoriale, che ha ricercatori di livello mondiale, è messa a repentaglio, ha aggiunto, dalla mancanza di interesse del generale per l’Olocausto. «Non ha mai studiato o lavorato alla distruzione degli ebrei in Europa e non ha un background familiare che lo renda consapevole di questi crimini». Se questa scelta suscita tanta polemica è perché rivela diversi fatti inquietanti, oltre al fatto che la Shoah si è trasformata in un oggetto politico come tutti gli altri in Israele. «Questa designazione risponde a una strategia elettorale. Il rivale di Benjamin Netanyahu, Neftali Bennett, è popolare tra l’elettorato religioso sionista. La scelta di Eitam, che rappresenta il partito La Casa Ebraica in Parlamento, assicura a Netanyahu di riconquistare i voti di cui ha bisogno», afferma Colette Avital, politica e diplomatica.

Nominare un ultranazionalista alla guida dello Yad Vashem significa «far prevalere il carattere particolare della Shoah sulla sua dimensione universale. Mentre l’Olocausto ha sempre portato un doppio messaggio: è l’essere umano stesso ad essere stato colpito e, allo stesso tempo, questo evento è unico, eccezionale nella sua intenzione, ovvero distruggere ogni traccia di ebrei sulla terra». Il caso Eitam dice molto anche sulla complessa relazione tra i sopravvissuti all’Olocausto e lo Stato ebraico. «Non siamo stati consultati in nessun momento. E i ministri ai quali abbiamo scritto insieme a circa 50 organizzazioni di sopravvissuti non si sono nemmeno degnati di darci un segno. Sopravvissuti novantenni hanno manifestato per la prima volta nella loro vita davanti ai ministeri, ma nessuno li ha ascoltati», aggiunge Avital. L’ex ambasciatrice afferma che questo è un segno dell’«ipocrisia in Israele nei confronti dei sopravvissuti. Tutti parlano continuamente della Shoah, ma c’è un certo disprezzo per la sorte delle vittime. Ad esempio, fino al 2007 Israele non si è pienamente assunto le proprie responsabilità nei loro confronti, mentre si era impegnato a prenderle in consegna nel 1952, quando il trattato di compensazione è stato firmato con la Germania», racconta.

Infine, la scelta di Effi Eitam indebolisce ulteriormente i rapporti tra Israele e la diaspora ebraica. Sono già complicate dal fatto che molti ebrei, soprattutto in Europa e negli Stati Uniti, non si identificano con la svolta ortodossa e di destra intrapresa dalla politica israeliana negli ultimi anni. Rifiutare di ascoltare le lamentele di associazioni e comunità che ovunque hanno scritto per protesta potrebbe mettere a repentaglio il futuro di Yad Vashem. «Molti donatori hanno annunciato che non doneranno più un centesimo se Effi Eitam gestirà il Memoriale. Per non parlare di tutte le istituzioni che hanno avvertito che finiranno ogni collaborazione», avverte la professoressa Hanna Yablonka. Il governo ora deve votare e tutti gli occhi sono puntati su Benny Gantz. Rivale di Benjamin Netanyahu, è a capo del secondo partito più grande del parlamento israeliano, e ha annunciato che si opporrà alla nomina di Effi Eitam. Una decisione da cui dipendono il futuro di Yad Vashem e il ricordo stesso dell’Olocausto in Israele.

Anche l’Unione europea per l’ebraismo progressista, insieme all’Assemblea rabbinica europea esprimono attraverso un testo  «profonda preoccupazione per la nomina di Effi Eitam alla guida dello Yad Vashem. Rappresentiamo le comunità riformate, liberali e progressiste di tutta Europa, molte delle quali vivono ancora all’ombra della Shoah, con membri che sono la prima, la seconda e la terza generazione dei sopravvissuti. In Europa viviamo con la crescente minaccia dell’antisemitismo e di altre forme di razzismo. La necessità di istituzioni come Yad Vashem, che rispettiamo molto, è purtroppo fondamentale nella lotta a questo flagello in corso. Riconosciamo l’immenso contributo che il generale di brigata Eitam (in pensione) ha fornito alla sicurezza dello Stato di Israele per molti anni e al servizio attivo delle strutture politiche e governative. Tuttavia, non conosciamo alcun impegno precedente al dovere di commemorare la memoria e imparare dalla tragedia della Shoah. E siamo turbati da una serie di dichiarazioni che ha fatto negli anni che sembrano essere direttamente in opposizione al bisogno di tolleranza che è al centro dello scopo di Yad Vashem. Alcune delle sue dichiarazioni sono state definite dal Procuratore generale israeliano come incitamento al razzismo. Ciò significa sicuramente che questa nomina proposta è direttamente in opposizione agli obiettivi, all’etica e alla reputazione di Yad Vashem. Invitiamo dunque a riconsiderare questa decisione».