Myanmar: due soldati testimoniano le atrocità contro i Rohingya

Da oggi attivo anche il dominio http://www.ecumenics.it per le notizie in inglese

09.09.2020 – Associazione per i Popoli Minacciati

Myanmar: due soldati testimoniano le atrocità contro i Rohingya
Un campo profughi dei Rohingya in Bangladesh (Foto di EU/ECHO/Pierre Prakash via Flickr.com)

Due soldati dell’esercito del Myanmar, noto anche come Tatmadaw, hanno confessato dettagliatamente le atrocità commesse dalle rispettive unità di fanteria contro la popolazione civile Rohingya in Myanmar. Secondo un rapporto dell’organizzazione thailandese per i diritti umani Fortify Rights, Myo Win Tun appartenente al Battaglione di fanteria leggera 565 e Zaw Naing Tun del 353 si trovano all’Aia, presso la Corte penale internazionale (CPI) e sono stati interrogati. Le sconvolgenti confessioni dei due militari testimoniano, dal punto di vista degli autori dei crimini, ciò che da anni sappiamo sia da parte delle vittime sia di una commissione indipendente di esperti dell’ONU: nel 2016 e nel 2017, il governo del Myanmar ha condotto una campagna di genocidio concertata contro i Rohingya. Secondo l’Associazione per i popoli minacciati (APM) queste dichiarazioni devono portare rapidamente ad un’accusa contro i responsabili dell’esercito e del governo davanti alla CPI.

Nelle loro dettagliate confessioni, i due militari avevano ammesso il loro diretto coinvolgimento in 180 omicidi di Rohingya. Hanno anche fornito i nomi e i gradi dei comandanti che avevano ordinato l’uccisione, lo stupro e l’incendio di innumerevoli villaggi rohingya. I soldati appartenevano a diverse unità. Hanno ricevuto l’ordine indipendente di uccidere tutti i Rohingya che hanno incontrato nei villaggi. Possiamo supporre che molte altre unità Tatmadaw abbiano ricevuto lo stesso ordine e lo abbiano eseguito nello stesso modo. Le dichiarazioni dei due soldati sono considerate autentiche. Sono state trovate due fosse comuni, di cui avevano descritto i luoghi.