Cinque sorelle nella Bibbia

Cinque sorelle

5 donne si presentano davanti a Mose in Num. 27,2 “e davanti al sacerdote Eleazar, davanti ai principi e a tutta l’assemblea all’ingresso della tenda di convegno per esporre e argomentare direttamente le loro richieste nel momento in cui ci si prepara a distribuire la terra ad ogni capofamiglia, dopo la morte del padre.  Un uomo che non ha avuto figli maschi.

La proposta dalle 5 donne è “Dateci una proprietà in mezzo ai fratelli di nostro padre” (v.  4b) ossia permetteteci di ereditare la arte di terra (della terra promessa)che sarebbe destinata a nostro padre.

Queste donne immaginano un privilegio ritenuto maschile, vietato. Mosé porta il caso davanti all’Altissimo e Dio da ragione alle donne. “Lefiglie di Zelofcad dicono bene Sì tu darai in eredità loro una proprietà tra i fratelli di loro padre e farai passare ad esse l’ereditàdel loro padre. (V. 7).

Loro costituiscono un precedente importante per il legislatore. La terra era un elemento importante all’epoca. Ledonne perderanno la terra quando si sposeranno con gli uomini di altre tribù. Ledonne si dovranno sposare all’interno del clan. Un pugno per la libertà di affetti di Macla, Noa, Ogla, Milka e Tirza.

Senza eredi maschi il loro nome dunque sopravvive e rimane impressa nella storia la loro sfida all’assemblea tuta per far valere una istanza di giustizia. Non siamo ancora all’eguaglianza…